Tokonoma. Il tempio dell’ombra

Tokonoma. Il tempio dell’ombra

TAKUMI lifestyle | Tokonoma. Il tempio dell'ombra

Più di ogni altra cosa mi incanta, tuttavia, la luce opalescente che entra, filtrata dalla carta bianca dello shoji, dalla finestra a fianco della nicchia. Ho spesso sostato, davanti a quella luminescenza arcana, dimenticando il passare del tempo.

Jun’ichirō Tanizaki

Incarnazione dell’estetica e della cultura tradizionale del Sol Levante, il Tokonoma (床の間) è metafora di ciò che amo definire il Tempio dell’ombra, luogo in cui il Vuoto manifesta tutta la sua sacralità.

Benché la sua destinazione sia quella d’essere utilizzato come sede espositiva per kakemono, ikebana, bonsai o qualsiasi altro oggetto particolarmente significativo e prezioso, resta un posto in cui l’armonia tra gli elementi presenti ed il Vuoto raggiunge uno stato sublime.

Quello che agli occhi di un occidentale apparirebbe come un inutile spreco di uno spazio disadorno, il tokonoma è la vera chiave di lettura di una cultura millenaria incentrata sull’esistenza del Vuoto come potenziale origine del Tutto.

Eppure, guardando quello spazio, continuiamo a non vedere nulla… altro che potenziale origine del Tutto.

Ed è qui che l’ombra ci viene in soccorso. Grazie alla fievole illuminazione naturale filtrata dagli shoji (posti lateralmente il tokonoma), tutto lo spazio si riempie di un’atmosfera che ci induce a far attenzione agli elementi presenti.

TAKUMI lifestyle | Tokonoma. Il tempio dell'ombra

È proprio il doversi focalizzare sui particolari, che ce li fa apprezzare perché scoperti poco a poco. L’estetica giapponese e la sua bellezza non regalano nulla, tutto va meritato e guadagnato attraverso la pratica continua e l’affinamento della propria sensibilità.

Nel Tempio, i concetti di Vuoto e Yūgen si combinano tra loro per disvelare una realtà profonda solitamente celata ai nostri occhi, il più delle volte a causa della stessa illuminazione (oltre che dalla nostra ignoranza).

Quando la luce abbaglia i soggetti presenti nel tokonoma, gli elementi in esso contenuti si mostrano istantaneamente per quel che sono, ma nel farlo in un modo così palese e fulmineo, si declassano a meri “oggetti in vetrina”.

Come direbbe il Maestro Zen Daisetz T. Suzuki, l’apprezzamento di tali elementi si ferma alla loro forma, non a ciò che ella esprime.

Nel mostrare tutto e subito, la vera bellezza – tipicamente yūgen – ci viene preclusa. Il suo fascino deriva dal suggerito, dall’incompiuto, dall’inespresso, ed è tanto più significativa quanto più l’elemento esposto rifugge dal dichiararsi apertamente.

TAKUMI lifestyle | Tokonoma. Il tempio dell'ombra

Il Vuoto del tokonoma diviene un suggerimento silente a fare il vuoto dentro di noi. Abbandonando, anche se momentaneamente, i condizionamenti, le speculazioni e ciò che crediamo di sapere, praticando un vero e proprio distacco da tutto, creiamo la condizione di compartecipazione empatica necessaria per diventare un tutt’uno con ciò che è esposto.

Ed ecco che ciò che era inespresso ritrova – attraverso di noi, e noi con lui – la sua completezza.

Sensazioni sopite nel nostro più intimo profondo riprendono vita, annullando tempo e spazio. Nel fruire e nel partecipare a tanta bellezza, noi stessi diventiamo “bellezza”, non solo estetica, ma etica, morale!

Ritorniamo al Tutto fino al punto che annullando il proprio Io – o scoprendo che l’Io non esiste – ridiventiamo Natura.

ph cover: “Tokonoma. Il tempio dell’ombra” – 2016 © C. Scafuri

Tags: , , , , , , ,

0 0 voto
Valutazione articolo
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Scrivi un commento per favorex
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: