Wabi-Sabi. Altri pensieri

Wabi-Sabi. Altri pensieri

TAKUMI lifestyle - wabi-sabi altripensieri - cover

Se hai una teiera in cui fare il tè, ti basterà quella. Quanto gli manca di sé a colui che ha bisogno di tante cose?

Rikyu Hyakushu

Quello del wabi-sabi è un concetto tanto conosciuto quanto incompreso, e per questo mal utilizzato. Cardine dell’estetica tradizionale giapponese, il wabi-sabi è, per i più, un aggettivo qualificativo equivalente a “rustico” o “grezzo”, nel migliore dei casi “consumato”.

Praticando il bonsai, spesso mi capita di sentirlo utilizzare come fosse una qualità insita dell’albero, ed ancor più spesso come modo per riempirsi la bocca con un termine cool e stupire l’interlocutore di turno.

Il tentativo stesso di associare questo concetto – questo paradigma estetico – a qualità fisiche, attraverso codifiche e definizioni, ne sminuisce e fraintende il suo universo fatto di sfumature e sensazioni

Il wabi-sabi è la bellezza delle cose imperfette, temporanee ed incompiute; la bellezza delle cose umili e modeste; la bellezza delle cose insolite…

Leonard Koren

Resterà deluso chi cercherà questo termine in un dizionario giapponese… non esiste. Wabi-sabi è una parola di sintesi tra due antiche parole, wabi e sabi, ognuna della quali racconta di un mondo quasi irraggiungibile per chi non è giapponese.

Negli ultimi anni tanta è stata l’attenzione del mondo occidentale verso questa forma estetico-concettuale. Leonard Koren, artista ed architetto, ed autore del libro “Wabi-Sabi. Altri pensieri” (Ponte alle Grazie, 2015, pp. 96, € 10,80) è stato tra i primi divulgatori che ha cercato di far luce su questo paradigma tanto affascinante quanto fumoso.

È un’esperienza, un ideale estetico. Stile e filosofia di vita. È un invito all’essere piuttosto che all’avere attraverso l’apprezzamento della semplicità e del qui ed ora.

Nel libro, l’autore affronta questo universo da molteplici prospettive, da quella delle origini storiche a quella dell’estetica. Di particolare interesse il capitolo “realtà wabi-sabi contro realtà digitale” 

Nel libro “WA. La giapponese all’armonia” l’autrice Laura Imai Messina approfondisce in modo particolare questo aspetto:

Il pensiero giapponese lo ripete in ogni disciplina, che la perfezione è un processo e non un risultato, e che tanto più intensa è proprio la bellezza delle cose che in un solo istante potrebbe andare in fumo. 
[…]la filosofia del wabi-sabi che privilegia l’imperfetto, l’inconcluso, quanto porta sulle proprie spalle il peso del tempo, suggerisce che serve piuttosto una lente d’ingrandimento per vedere da vicino quanto abbiamo, amplificarlo nello sguardo, valorizzarlo proprio in quanto lontano dal perfetto, a suo modo unico al mondo.

Laura Imai Messina

Wabi-sabi, quindi, come arte del sentire volta ad un prezioso minimalismo intuitivo e ad un’estetica imperfetta, vissuta, intimista, fuggevole.

TAKUMI lifestyle - wabi-sabi altri pensieri - copertina

Tags: , ,

3.5 6 voti
Valutazione articolo
guest
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti
Aldo
Aldo
Ospite
1 mese fa

Eccellente.

Antonietta
Antonietta
Ospite
1 mese fa

Le stelline non corrispondono al reale gradimento.Nella necessaria sintesi è esaustivo e chiaro

4
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi. Scrivi un commento per favorex
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: